F2i, in gara per le torri Wind, sceglie Ardian per gli aeroporti

È scaduto ieri il termine per la presentazione delle offerte vincolanti per le torri Wind. Secondo indiscrezioni di stampa, tra le quattro offerte pervenute all’operatore di telecomunicazioni vi sarebbe anche F2i, il fondo infrastrutturale guidato da Renato Ravanelli, in consorzio col fondo Providence. L’offerta sarebbe finalizzata all’acquisizione delle circa 6.300 torri messe sul mercato da Wind.

Nella giornata di ieri si è inoltre riunito il CdA di F2i con, all’ordine del giorno, tra le altre cose, la decisione relativa alla scelta del partner a cui cedere una quota del 49% di F2i Aeroporti, la holding presieduta da Mauro Maia che controlla le partecipazioni del fondo nel settore aeroportuale. La scelta di F2i sarebbe ricaduta sulla cordata formata da Ardian e Crédit Agricole.

Il passaggio successivo dovrebbe essere ora una due diligence, con conclusione delle trattative prevista per gennaio 2015. Si rafforzerebbe in questo modo la partnership tra F2i e Ardian, già sponsor della SGR di F2i ed investitore nel Secondo Fondo F2i.

http://www.milanofinanza.it/news/f2i-da-l-esclusiva-ad-ardian-per-gli-aeroporti-201412221434081883

http://www.milanofinanza.it/news/f2i-presenta-offerta-vincolante-per-torri-wind-fonte-201412221542081204

F2i. Operazione europea dell’anno nelle rinnovabili

F2i ottiene un ulteriore riconoscimento nell’ambito dei premi assegnati dalla rivista internazionale PFI, del Gruppo Thompson Reuters. In occasione dell’edizione 2011, il fondo era già stato premiato per la più importante operazione di M&A a livello mondiale.

Conclusa lo scorso novembre, l’operazione di acquisizione di una quota del 70% di Edison da parte di F2i ha ricevuto un riconoscimento nell’ambito dell’edizione 2014 dei PFI Awards, assegnati annualmente dalla rivista PFI del Gruppo Thomson Reuters.

Il deal, noto come Eureka o Edens, darà vita al terzo operatore a livello nazionale nel settore delle energie rinnovabili, con una potenza complessiva installata di circa 600 MW, ed è stato eletto vincitore nella categoria “European Renewables Deal of the Year”.

Per F2i non si tratta del primo riconoscimento nell’ambito dei PFI Awards. In occasione dell’edizione del 2011, infatti, F2i si distinse nella categoria “Global M&A Deal of the Year” per l’operazione di aggregazione e rifinanziamento nel settore della distribuzione del gas che previde l’acquisizione, attraverso 2i Rete Gas (allora Enel Rete Gas), delle reti italiane di G6 ed E.On Rete Gas, nonché un consistente rifinanziamento della filiera del gas.

Tra le motivazioni dell’aggiudicazione del premio per l’operazione Eureka – la cerimonia di premiazione si svolgerà il prossimo 4 febbraio a Londra – PFI sottolinea alcuni aspetti d’innovazione introdotti dal deal. Tra di essi, il passaggio dal finanziamento di singoli asset eolici ad una forma di finanziamento di portafoglio più sofisticata. Inoltre, l’operazione portata a termine da F2i ha posto nuove basi nell’evoluzione del rapporto tra operatori industriali ed investitori finanziari nel settore delle energie rinnovabili.

Secondo PFI, la partnership tra F2i, Edison e EDF (le quali detengono la quota residua del 30%), presenta tra l’altro una serie di interessanti accordi di governance.

Per approfondire l’argomento è possibile consultare il seguente collegamento:

http://www.pfie.com/emea-awards/21178843.article